Scritte Giapponesi e i tatuaggi

scritte giapponesi

Le scritte giapponesi sono comunemente definite come ideogrammi e sono un soggetto ormai diffuso nel mondo dei tatuaggi. Ogni ideogramma ha uno specifico significato e noi oggi esploreremo questo mondo.

scritte giapponesiL’incontro tra ideogrammi giapponesi e tattoo art

Questo incontro avviene nel passato e indica una certa affermazione nel mondo dei tatuaggi. In generale i tatuaggi in Giappone sono conosciuti molto quando si parla di soggetti come geishe, carpe koi, fiori di ciliegio e affini ma certo gli ideogrammi si potrebbe pensare siano esclusivo appannaggio della Cina mentre anche quelli giapponesi sono andati affermandosi. I tatuaggi in Giappone nascono nel 10.000 a.C., e quelli furono i primi che fecero poi sviluppare la tecnica che è andata migliorando nel corso del tempo e che, ad oggi, è quella riconosciuta e apprezzata da molte persone. Gli ideogrammi giapponesi derivano comunque dalla scrittura cinese e si definiscono Kanji, possono rappresentare una singola parola o un significante (frase) preciso.

Quanti Ideogrammi

Le scritte giapponesi sono tantissime, quando si parla di Kanji questi ad esempio su un giornale di normale lettura quotidiana sono almeno 3000, si comprende quante scritte possono eventualmente essere impiegate per un tatuaggio, parliamo di centinaia di migliaia ma certamente tra queste vengono preferite quella che abbiano un significato profondo legato molto spesso, all’identità o alle aspettative della persona che lo sceglie.

Come si può notare semplicemente osservando l’immagine sopra riportata, nei Kanji o scritte giapponesi, si trovano:

  • Gli elementi come il fuoco ad esempio
  • I concetti come distruzione
  • Le attitudini come l’intelligenza
  • I comportamenti come il rispetto

Si capisce quindi che tali tatuaggi possono avere significati davvero profondi e essere scelti per diversi ordini di ragioni.

Tra i Kanji si trovano anche gli animali come ad esempio:

  • Cane
  • Cavallo
  • Serpente
  • Tigre

E ovviamente creature mitologiche come il Drago. Ma anche le stagioni sono ideogrammi che si possono scegliere di tatuare, il tutto si presenta davvero bene sulla pelle e può simboleggiare anche singoli aspetti della personalità di chi sceglie le scritte giapponesi.

Simboli o Caratteri

Come detto tali scritte giapponesi possono essere assunti a simbolo, possono simboleggiare un periodo della vita, essere connessi alla persona che ne sceglie uno sul piano spirituale o semplicemente su quello materiale fatto sta che il loro fascino è indubbio e probabilmente è questa la ragione per cui vengono tanto apprezzati al pari degli ideogrammi cinesi certamente più conosciuti ma potremmo anche dire meno esclusivi ormai visto che appunto sono più diffusi e riconosciuti maggiormente come soggetti e grafiche per tatuaggi.

Entriamo nella storia dei Kanji

In conclusione vogliamo dire a chi magari leggerà questo termine per la prima volta, ma anche a chi sta cercando tra le scritte giapponesi il suo prossimo o primo eventuale tatuaggio che i kanji sono quei caratteri impiegati nella scrittura giapponese assieme ai sillabari hiragana e katakana.

Il numero totale di kanji è impossibile saperlo ma si può fornire una statistica di massima che ne individua circa 50.000. Se invece ci si rifà a quelli impiegati nella scrittura corrente siamo a circa 3.000, questi prendono il nome di jōyō kanji.